VIAGGIO ORGANIZZATO IN MESSICO PER IL DIA DE LOS MUERTOS

Se ti chiedessimo qual è il giorno più allegro dell’anno, in Messico, cosa risponderesti?
Probabilmente avrai optato per il 1° dell’anno o per una festa nazionale, invece ti sbagli!

Il giorno più felice e spensierato dell’anno è il Dia de los muertos. Giorno in cui, secondo la tradizione locale, i cari defunti tornano a trovare parenti e amici. Si tratta  difatti di un Festival della vita, durante il quale le persone scendono in piazza per celebrare la morte nel miglior modo possibile: vivere a pieno la giornata, circondato da chi si ama e da chi si ha più a cuore in un tripudio di suoni, profumi, colori. Sembrerebbe proprio l’occasione giusta per un viaggio organizzato in Messico.

 

Organizzarsi in tempo

Attenzione però che non ci si può far trovare impreparati a questa grande festa!
Quindi durante il vostro viaggio organizzato in Messico meglio acquistare tutto l’occorrente il giorno prima o la mattina del giorno stesso. Suggeriamo di comprare fiori tipici tra cui i cempasúchil, di color arancione, chiamati anche “fiori dei morti” con i quali si vanno ad ornare gli altari e si cospargono le strade per aiutare i defunti a tornare alle proprie case. Sapevi, infatti, che le abitazioni rimangono aperte per riconciliarsi con chi non c’è più?

 

Origine della festa

Questa festa ha origine pre-colombiane ed ha luogo dal 31 Ottobre al 2 Novembre di ogni anno. Son giorni magici e ricchi di emozioni caratterizzati da: colori accesi, simpatici teschi, spettacoli, bande e rappresentazioni dal vivo che fanno venir la pelle d’oca. E’ facile dimenticarsi dell’atmosfera un po’ cupa che si vive da noi in quei giorni. Un viaggio organizzato in Messico diventa un tassello fondamentale anche per la crescita personale di ognuno di noi.

 

Lo spirito della tradizione

Valori come la condivisione e la convivialità diventano le protagoniste della festa. Tutti sono coinvolti, anche i turisti, perché è importante celebrare il filo diretto e sottile che lega il mondo dei vivi a quello dei morti, che non dovrebbe mai essere dimenticato o trascurato. Un invito a vivere con più leggerezza, non superficialità e a non arrendersi davanti le difficoltà che la vita ci pone. Perché la vita è bella e merita di essere vissuta a pieno, ad esempio: facendo un viaggio organizzato ogni anno!

About author