Capitali Baltiche

Viaggio nelle Capitali Baltiche

Cosa trovi, cosa visiti, perché andarci

Estonia, Lettonia, Lituania sono tre Repubbliche affacciate sul Mar Baltico. Esse creano il trio delle Repubbliche Baltiche e, solo per Columbus Vacanze, si uniscono alla Bielorussia per creare dei viaggi unici nei Paesi Baltici.

Essendo tutti Paesi del Nord presentano alcune caratteristiche in comune, come il clima temperato freddo e l’ecosistema naturale molto florido, con tanto verde, boschi e foreste. Inoltre, altro fattore comune delle tre Repubbliche più una sono le capitali. Infatti, chi vuole visitarle sceglie spesso un viaggio nelle capitali baltiche, perché queste risultano essere il centro nevralgico economico, politico e turistico di questi Stati.

Tallinn

La capitale estone è sede di un notevolissimo valore storico-architettonico che le ha permesso di essere riconosciuta nel 2009 Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Tallin si staglia sulle acque del fiume Nires e, tra le sue vie, presenta tratti di diverse epoche e altrettanti luoghi d’interesse (gallerie, musei, palazzi, etc). Un perfetto mix di tradizione medievale, estrosità barocca e modernità.

Riga

La capitale della Lettonia nasce alla foce del fiume Daugava. Qui l’Art Nouveau la fa da padrone, con linee più statiche e moderne, ma sempre sinuose. I simboli della città sono senz’altro il Castello di Riga, in perfetto stile Nouveau e sede di due importantissimi musei, insieme alla Cattedrale “Natività di Cristo”. Da non perdere, infine, i palazzi “I tre fratelli” e il Mercato Centrale dove i visitatori possono trovare davvero di tutto.

Vilnius

La terza capitale baltica è quella lituana, Tallinn, una città ancor più legata all’influenza medievale. Nasce dall’unione di Toompea, la collina da cui sorge, e Al-linn il centro storico: insieme sono state insignite nel lontano 1997 dell’onorificenza di Patrimonio dell’UNESCO e, nel 2011, di Capitale Europea della Cultura. Servono altri motivi per convincerti a visitarla?

Minsk

Capitale della Bielorussia, è l’outsider scelto da Columbus per il viaggio nelle capitali baltiche. Meno considerata, ma altrettanto bella, Minsk attira milioni di turisti ogni anno. Da visitare sia per la sua forte influenza Russa che la rende leggermente diversa dalle altre capitali, sia per la sua storia.

Per anni sotto il dominio dell’Unione Sovietica, la leggenda vuole che un gigante di nome Menesk o Mincz avesse un mulino con cui macinava le pietre per fare il pane ai suoi guerrieri. Da qui il nome “Minsk”, baratto in bielorusso, che rende l’idea della forza commerciale centenaria della città. Anche questa da non perdere!

Così vicine, così lontane, così diverse. Tre capitali a confronto con l'aggiunta della bellissima Minsk, Bielorussia.