India

Cosa trovi, cosa visiti, perché andarci

L’India, un’immensa penisola chiusa a nord dalla catena dell’Himalaya. E’ per dimensioni, etnie presenti sul territorio, lingue e tradizioni in uso, un vero e proprio subcontinente. Costituitasi a metà circa del Novecento in entità statale moderna (con il nome di Unione Indiana) dopo un lungo passato coloniale. L’India vive ancora oggi accesi conflitti con i Paesi confinanti per la giurisdizione di alcune porzioni di territorio poste lungo i confini.

Nemmeno il processo di formazione dell’identità nazionale si è compiuto in modo indolore. Fin dalla sua costituzione, l’India è stata teatro di un vero e proprio esodo di popolazione, nel tentativo di fornire alle principali religioni (induisti e musulmani) uno Stato in cui riconoscersi. Il Paese ospita una delle più ricche e feconde stratificazioni culturali, storiche e religiose del mondo. Trovandosi di fronte un processo di ricostruzione di un’unità politica e culturale ex novo.

Oggi, infatti, nonostante le persistenti contraddizioni sociali e le profonde disparità interne, il subcontinente indiano si pone tra i primi Paesi al mondo come crescita del PIL, e appare come uno dei protagonisti del rapido e aggressivo sviluppo asiatico. A questo panorama economico, continua tuttavia a far da contraltare il persistere di molti aspetti tradizionali (dai matrimoni combinati all’influenza di credenze e pratiche religiose che pervadono ancora oggi l’organizzazione sociale e la struttura di alcuni settori economici), che per certi versi appaiono quasi anacronistici se paragonati alla corsa verso la modernizzazione.

Un viaggio, un’esperienza, una sensazione, una percezione dalle mille sfaccettature. Una nazione con le sembianze di un continente in cui sono calate talmente tante realtà, emozioni, facce ed espressioni diverse, da rendere quasi impossibile il trovare un denominatore comune. Una caratteristica che in qualche modo identifichi un territorio sterminato, costellato di culture, lingue e tradizioni anche molto diverse tra loro.
Questa è l’India.

C’è quella musica di sottofondo che ti mette pace, te ne accorgi quando non la senti più… e allora la cerchi ovunque.