Albania

Cosa trovi, cosa visiti, perché andarci

La Repubblica d’Albania è uno stato della penisola balcanica con 2,8 milioni di abitanti. Confina a nord-ovest con il Montenegro, a nord-est con il Kosovo, a est con la Macedonia e a sud con la Grecia. Dista circa 80 km dall’Italia. La capitale è Tirana e la lingua ufficiale è l’albanese, che si distingue in due dialetti: l’albanese tosco e il ghego. Segue l’italiano come seconda lingua più diffusa. Dal punto di vista amministrativo lo stato è diviso in 12 prefetture. Il territorio è per la maggior parte collinare e montuoso, dotato di: spiagge incredibilmente belle, che vanno dal color bianco a quello dorato e di un mare limpido ed azzurro da cui è possibile ammirare i fondali.

Una meta sempre più gettonata ed in voga, che è riuscita a far dimenticare un passato turbolento per aprire le porte alle bellezze naturali, alle tradizioni, al folklore e alla cultura locale. Ma non solo, infatti, l’Albania è anche un importante punto di riferimento archeologico, grazie ai molteplici resti pelasgici, romani, greci, illirici e turchi. Inoltre ospita vari interessanti siti Unesco come: la città Antica – Butrinto, la città medievale di Argirocastro e Berat – la città delle mille e uno finestre.

Il clima è di tipo mediterraneo nelle pianure litoranee, mentre più continentale nelle regioni montuose. Comunque, nonostante le dimensioni geografiche, l’Albania è costituita da diverse regioni climatiche. Per tale motivo la temperatura media può variare significativamente da nord a sud. Per il mare più bello, cristallino e con baie incontaminate da esplorare è meglio spostarsi verso Sud, in città come: Dhërmi, Himara e Saranda. La cucina albanese ha subito forti influenze sia dalla dominazione ottomana che da quella italiana, facendo si che a tavola sia facile ritrovare piatti tipici mediterranei.

Allora, quest’estate, dove andiamo al mare? 

Una splendida terra ancora da scoprire e tutta da vivere.